ULTIMA ORA

ULTIMA ORA

 

 

 

 

Aggiornamenti 4 agosto 2020

SPECIALE SALDI ESTIVI 2020

  • PIEMONTE: la nuova data di inizio dei saldi estivi 2020 è sabato 25 luglio 2020, così come indicato con D.G.R. n. 1-1702 del 32/07/2020, invece di sabato 1 agosto 2020 come previsto con la precedente D.G.R. n. 13-1539 del 19/06/2020.
  • FRIULI VENEZIA GIULIA
    La Giunta regionale ha stabilito che i saldi inizieranno sabato 25 luglio, anticipando così di una settimana la data stabilita da una precedente delibera: clicca qui
  • LOMBARDIA
    Confermato l’anticipo dei saldi al 25 luglio con delibera regionale n. 3407 del 22 luglio 2020.
  • MARCHE
    La Regione informa che l’inizio dei saldi rimarrà invariato al 1° agosto.
  • PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO
    Non ci sono cambiamenti rispetto alla data di avvio saldi in programma per il 1° agostoRicordiamo che inizieranno solo il 15 agosto 2020 i saldi nei comuni turistici e termineranno il 12 settembre 2020. Per maggiori dettagli: clicca qui
  • MOLISE
    La Regione informa che l’inizio dei saldi rimarrà invariato al 1° agosto.
  • VENETO
    La Regione ha dichiarato che la data di inizio saldi estivi 2020 non subirà variazioni rispetto a quanto stabilito e conferma il 1° agosto.
  • TOSCANA
    La Regione ha ritenuto di non assumere alcun provvedimento relativo all’anticipo della data di inizio delle vendite di fine stagione estiva (saldi), rispetto a quella già fissata del 1° agosto, anche a causa della mancanza dei tempi tecnici necessari all’approvazione di una nuova delibera, che potrebbe anticipare al massimo di un paio di giorni la data stabilita.
  • CAMPANIA: anticipata ad oggi 21 luglio la data per l’avvio dei saldi nella Regione Campania fino al 18/09/2020 come da Decreto Dirigenziale n. 285 del 21/07/2020
  • UMBRIA: l’amministrazione Regionale non anticiperà la data di inizio dei saldi che inizieranno l’1 agosto.

AGGIORNAMENTI NAZIONALI

  • L’INPS ha pubblicato oggi un comunicato relativo alla previsione, introdotta dal decreto Rilancio, che permette all’Istituto di anticipare una parte dei trattamenti di integrazione salariale in deroga per il prolungamento oltre le nove settimane. In particolare, il datore di lavoro può chiedere che l’Istituto, verificato il rispetto dei limiti di spesa previsti nel decreto, provveda al pagamento diretto della prestazione nella misura del 40% delle ore autorizzate nell’intero periodo. Infine si segnala la pubblicazione anche del manuale “Pagamento anticipato del 40% delle integrazioni salarialiin cui sono illustrati i passaggi e i dettagli per inoltrare la domanda.
  • Avvenuta pubblicazione del DL 83/2020 recanteMisure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020”. 
  • L’INPS ha pubblicato il messaggio n. 2496/2020 con cui si forniscono istruzioni operative per la compilazione della domanda di proroga di CIG in deroga per aziende plurilocalizzate.
  • L’INPS ha pubblicato il Messaggio n. 2871 avente ad oggetto “Emergenza epidemiologica da COVID-19. Ripresa dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. Istruzioni contabili”, nel quale vengono illustrate le modalità con cui è possibile effettuare i versamenti.
  • Agenzia delle Entrate: Circolare n. 22/E con cui si forniscono ulteriori chiarimenti ai fini della fruizione del contributo a fondo perduto di cui all’art. 25 del Dl Rilancio.
  • Pubblicata in Gazzetta Ufficiale della LEGGE 17 luglio 2020, n. 77, con modificazioni, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonchè di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.
  • Dossier di analisi del Dl Semplificazioni: breve analisi di tutte le disposizioni contenute nel provvedimento che punta a semplificare i procedimenti amministrativi, eliminare e velocizzare gli adempimenti burocratici, promuovere la digitalizzazione della pubblica amministrazione, sostenere l’economia verde e l’attività di impresa
  • Dossier di analisi del DL Rilancio: breve analisi di tutte le disposizioni contenute nel provvedimento, che mette in evidenza le modifiche apportate nel corso dell’esame presso la Camera dei Deputati.
  • Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM 14 luglio 2020Il provvedimento, in ragione dell’emergenza COVID-19, proroga al 31 luglio 2020 le disposizioni contenute nel del DPCM 11 giugno 2020.
  • L’Agenzia delle Entrate ha emanato la risoluzione n.39/E relativa all’istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione tramite modello F24, da parte del cessionario ai sensi dell’articolo 122 del Dl Rilancio, del credito d’imposta di cui all’articolo 65 del Dl Cura Italia e del credito d’imposta di cui all’articolo 28 del Dl Rilancio.
  • La Conferenza delle Regioni ha aggiornato le Linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative.
  • L’INPS ha pubblicato la circolare n.84 in cui si illustrano le novità apportate dal c.d. Dl Rilancio relativamente alle ipotesi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, nonché le ulteriori misure in materia di trattamenti di integrazione salariale introdotte dal decreto-legge sull’estensione della Cig.
  • La Direzione Generale degli Ammortizzatori sociali e della formazione del Ministero del Lavoro ha emanato la Circolare n.11 del 1 luglio 2020, con cui si illustra la normativa recentemente entrata in vigore in materia di cassa in deroga introdotta dal Decreto Rilancio e successive modifiche e integrazioni e si forniscono le indicazioni utili relative all’accesso al trattamento, anche per i trattamenti di proroga le cui istanze dovranno essere presentate all’INPS. Allegato 1 e Allegato 2.
  • Emanato il Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze recante Nuove disposizioni per la cassa integrazione in deroga.
  • L’INPS ha emanato la Circolare n.78 del 27 giugno 2020, che recepisce le disposizioni dettate dal Decreto Rilancio in materia di anticipazione del trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD).
  • La Conferenza delle Regioni e province autonome del 18 giugno ha approvato un documento per interventi di semplificazione di carattere generale dove sono state inserite proposte mirate ad accelerare gli investimenti ed a rilanciare l’economia, nell’ottica di limitare gli effetti della contrazione verificatasi a causa dell’emergenza Codiv-19.
  • L’Inps ha pubblicato il Messaggio n. 2489 recante “Prime indicazioni sulla gestione dell’istruttoria delle nuove domande di CIGO e assegno ordinario, rilascio domanda INPS di CIG in deroga, anticipo 40% del pagamento diretto delle integrazioni salariali”.
  • Pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale di ieri, 16 giugno, del provvedimento DECRETO-LEGGE 16 giugno 2020, n. 52 – Ulteriori misure urgenti in materia di trattamento di integrazione salariale, nonché proroga di termini in materia di reddito di emergenza e di emersione di rapporti di lavoro.
  • L’Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n.15/E con cui si forniscono chiarimenti in merito alla fruizione del contributo a fondo perduto di cui all’articolo 25 del DL Rilancio.
  • L’Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n.15/E con cui si forniscono chiarimenti in merito alla fruizione del contributo a fondo perduto di cui all’articolo 25 del DL Rilancio.
  • Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri annunciato ieri sera dal Presidente Giuseppe Conte, le cui disposizioni si applicano dalla data del 15 giugno 2020 in sostituzione di quelle del DPCM 17 maggio e sono efficaci fino al 14 luglio 2020 (fermo restando i diversi termini di durata indicati nelle singole misure).Pubblicate le nuove linee guida della Conferenze delle Regioni per le riaperture delle attività produttive.
  • L’Agenzia delle Entrate ha emanato un provvedimento del Direttore che, in attuazione dell’articolo 25 del Decreto Rilancio, definisce i passi da compiere per richiedere e ottenere il contributo a fondo perduto a favore delle imprese e delle partite Iva colpite dalle conseguenze economiche del lockdown.
  • Pubblicato il documento redatto dal Comitato di esperti in materia economica e sociale, la task force guidata dal manager Vittorio Colao, nella quale vengono indicata la strategia per il rilancio economico del Paese. Per il documento di accompagnamento delle schede: clicca qui
  • Segnaliamo la pubblicazione della circolare 14 dell’Agenzia delle Entrate che fornisce chiarimenti in relazione al credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda – ex articolo 28 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 e la circolare 32/E che istituisce il codice tributo “6920″ con cui si consente alle imprese la compensazione con modello F24, utilizzando i servizi telematici delle Entrate.
  • Conversione in legge con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, recante misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali” (c.d. DL Liquidità).
  • Emanato il decreto interministeriale del Ministero del Lavoro di concerto con il Ministero dell’Economia per il finanziamento della terza quota dei trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga in favore dei datori di lavoro privati. 


DOCUMENTI DI APPROFONDIMENTO:

  • E-book Export: Una guida per partire – strumenti e servizi pubblici a portata di PMI
    12 giugno 2020 – A cura del Ministero Affari Esteri 
  • #ASKFORCE  AREA TECNICO-SCIENTIFICA
    In collaborazione con Prof.ssa Claudia Letizia Bianchi Dipartimento di chimica Università degli Studi di Milano

    Segnaliamo una breve nota rispetto alla circolare del Ministero della Salute del 22 maggio scorso e l’articolo originario da cui il Ministero ha tratto i dati della Tabella 1
    riportata nella circolare stessa.

    La sicurezza nel punto vendita: pulizia, sanificazione e areazione degli spazi
    FAQ (settore Food)
    – FAQ (settore Non Food)

  • Misure regionali in tema di asporto e delivery clicca qui
  • Disposizioni in vigore nelle Regioni italiane con riferimento al settore della ristorazione, ed in particolare alla possibilità di effettuare asporto e delivery, nonché su possibili indicazioni rispetto alla riapertura delle attività.