ORDINANZE REGIONALI

ORDINANZE REGIONALI

 

 

ULTIMA ORA
Settimana 04 – 08 aprile 2022

Ministero della Salute – Regione Sardegna
Il 25 marzo il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 26 marzo 2022, la quale a partire dal 28 marzo dispone la cessazione del c.d “zona gialla” per la Regione Sardegna e istituisce la c.d. “zona bianca ”.


Ministero della Salute – Ordinanze
Calabria, Lazio, Marche e Sardegna
Il 18 marzo il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 19 marzo, la quale a partire dal 21 marzo:

  • Dispone la cessazione del c.d “zona gialla” per le Regioni Calabria, Lazio e Marche e istituisce la c.d. “zona bianca ”
  • Proroga, per ulteriori 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per la Regione Sardegna

Ministero della Salute – Ordinanze
Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta.
L’11 marzo il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 12 marzo, la quale, a partire dal 14 marzo:

  • Dispone la cessazione del c.d “zona gialla” per le Regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia,  Liguria, Molise, Puglia, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta e istituisce la c.d. “zona bianca ”
  • Proroga, per ulteriori 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per la Regione Lazio.

Ministero della Salute – Ordinanze
Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta e Provincia autonoma di Trento
Il 4 marzo il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 5 marzo, la quale, a partire dal 7 marzo:

  • Dispone la cessazione del c.d “zona gialla” per le Regioni Abruzzo e Piemonte e per la Provincia autonoma di Trento e istituisce la c.d. “zona bianca ”
  • Proroga, per ulteriori 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per le Regioni Calabria, Emilia-Romagna, Marche,  Puglia, Sardegna, Toscana e Valle d’Aosta.

Ministero della Salute – Ordinanze
Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Sicilia, Veneto e Province autonome di Trento e di Bolzano
Il 25 febbraio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 26 febbraio, la quale, a partire dal 28 febbraio:

  • Proroga, per ulteriori 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per le Regioni Lazio, Liguria,  Molise,  Sicilia  e  nella Provincia autonoma di Trento
  • Dispone la cessazione del c.d “zona gialla” per le Regioni Campania, Lombardia, Veneto e per la Provincia autonoma di Bolzano e istituisce la c.d. “zona bianca ”
  • Dispone la cessazione del c.d “zona arancione” per le Regione Friuli-Venezia Giulia e istituisce, per un periodo di  14 giorni, la c.d. “zona gialla”.

Ministero della Salute – Ordinanze
Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana e Valle d’Aosta
Il 18 febbraio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 19 febbraio, la quale, a partire dal 21 febbraio:

  • Proroga, per ulteriori 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Puglia,  Sardegna e Toscana
  • Dispone la cessazione del c.d “zona arancione” per le Regioni Abruzzo, Marche, Piemonte e  Valle  d’Aosta e istituisce, per un periodo di  14 giorni, la c.d. “zona gialla”
  • Proroga, per ulteriori 15 giorni,  la c.d. “zona arancione” per la Regione Friuli-Venezia Giulia.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 8
Il 18 febbraio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 8, la quale dal 20 febbraio al 3 marzo, dispone la c.d. “zona arancione” per i Comuni di Agira, Leonforte e Valguarnera Caropepe.


Ministero della Salute – Ordinanze
Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Sicilia, Valle d’Aosta, Veneto e nelle Province autonome di Trento e di Bolzano

L’11 febbraio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 12 febbraio, la quale, a partire dal 14 febbraio:

• Proroga, per un periodo di 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per le Regioni Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Veneto e Province autonome di Trento e Bolzano;
• Istituisce, per un periodo di 15 giorni, la c.d. “zona gialla” per la Regione Molise;
• Istituisce, per un periodo di 14 giorni, la c.d. “zona gialla” per la Regione Sicilia;
• Proroga la c.d. “zona arancione” per la Regione Valle d’Aosta.


Ministero della Salute – Ordinanze
Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Toscana
Il 4 febbraio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 5 febbraio, la quale, a partire dal 7 febbraio, per un periodo di 15 giorni:

  • Istituisce la c.d. “zona arancione” per la Regione Marche.
  • Proroga la c.d. “zona gialla” per le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Puglia, Sardegna e Toscana;
  • Proroga la c.d. “zona arancione” per le Regioni Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia.

Provincia autonoma di Bolzano – Ordinanza n.5

Il 28 gennaio il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano ha firmato l’ordinanza n.5 la quale, in attuazione del DPCM 21 gennaio 2022 dispone che, in riferimento all’obbligo di presentare la certificazione verde, dal 1° febbraio al 31 marzo 2022, per l’accesso ai pubblici uffici, ai servizi postali, bancari e finanziari e alle attività commerciali, le esigenze essenziali e primarie della persona per far fronte alle quali, nell’ambito dei servizi e delle attività che si svolgono al chiuso, non è invece richiesto il possesso della certificazione verde sono:

  1. le esigenze alimentari e di prima necessità, per le quali è consentito l’accesso esclusivamente alle attività commerciali di vendita al dettaglio di cui all’allegato alla presente ordinanza;
  2. esigenze di salute, per le quali è sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie, nonché a quelle veterinarie, per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori – ferme restando le regole per l’accesso dei visitatori;
  3. esigenze di sicurezza, per le quali è consentito l’accesso agli uffici aperti al pubblico delle Forze di Polizia e delle Polizie locali, allo scopo di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti;
  4. esigenze di giustizia, per le quali è consentito l’accesso agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunzie da parte di soggetti vittime di reati o di richieste di interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività di indagine o giurisdizionale per cui è necessaria la presenza della persona convocata.

Il rispetto delle misure di cui sopra è assicurato dai titolari degli esercizi di cui all’allegato e dai responsabili dei servizi di cui alle lettere b), c) e d), attraverso lo svolgimento di controlli anche a campione


Ministero della Salute – Ordinanze
Regioni Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Puglia, Sardegna e Sicilia
Il 21 gennaio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 22 gennaio, la quale istituisce, dal 24 gennaio, per un periodo di 15 giorni:

  • la “zona gialla” per le Regioni Puglia e Sardegna.
  • la “zona arancione” per le Regioni Piemonte, Sicilia, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia.

Regioni Calabria, Emilia Romagna e Toscana
Il 21 gennaio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 22 gennaio, la quale proroga per ulteriori 15 giorni, a partire dal 24 gennaio, la “zona gialla” per le Regioni Calabria,  Emilia  Romagna  e  Toscana.

Regione Calabria – Ordinanza n. 8
Il 23 gennaio il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n. 8, la quale istituisce, dal 24 gennaio fino a tutto il 30 gennaio, la “zona arancione” per i Comuni di Africo, Mammola, Platì e Rosarno.


Regione Sicilia – Ordinanza n. 6
Il 19 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 6, la quale dal 21 gennaio al 2 febbraio, istituisce la “zona arancione” per i Comuni di Acate, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli, Vittoria e Aragona. Inoltre, proroga fino al 26 gennaio compreso la “zona arancione” per i Comuni di Caltanissetta, Gela, Canicattì, Solarino, Augusta, Canicattini Bagni, Avola, Priolo Gargallo, Carlentini, Noto, Francofonte, Palazzolo Acreide, Rosolini, Lentini, Melilli, Siracusa, Pachino, Floridia e Sortino.

Campania e Valle d’Aosta – Ordinanza
Il 14 gennaio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 15 gennaio, la quale, dal 17 gennaio al 31 gennaio, dispone la “zona gialla” per la Regione Campania. Inoltre, dal 17 gennaio al 31 gennaio, dispone la “zona arancione” per la Regione Valle d’Aosta.

Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Veneto e nelle Province Autonome di Trento e Bolzano
Il 14 gennaio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, pubblicata sulla G.U. del 15 gennaio, la quale proroga fino al 31 gennaio la “zona gialla” per le Regioni Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Veneto e per le Province Autonome di Trento e Bolzano.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 4
Il 14 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 4, la quale, dal 16 gennaio al 26 gennaio, istituisce la “zona arancione” per i Comuni di Licata, Mazzarino, Niscemi, Mussomeli, Riesi, San Cataldo, Vallelunga Pratameno, Borgetto, San Cipirello, Trappeto, Blufi, Petralia Soprana, Altofonte e Villabate.

Regione Calabria – Ordinanza n. 6
Il 16 gennaio il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n. 6, la quale proroga per un periodo di ulteriori 7 giorni e, pertanto, fino a tutto il 23 gennaio 2022, la “zona rossa” per il Comune di Platì. Inoltre, proroga per un periodo di ulteriori 7 giorni e, pertanto, fino a tutto il 23 gennaio 2022, la “zona arancione” per il Comune di Rosarno. Nei Comuni di Africo, Feroleto della Chiesa, Mammola, le misure fissate fino al 19 gennaio inerenti alla c.d. “zona arancione”, sono procrastinate fino a tutto il 23 gennaio 2022. Inoltre, istituisce dal 17 gennaio al 26 gennaio le misure inerenti alla “zona arancione” per i Comuni di Bagaladi, Bova Marina, Brancaleone, Caulonia, Cosoleto, Gioiosa Ionica, Monasterace, Montebello, Placanica, San Luca, Seminara, Stignano. Permane fino al 19 gennaio la “zona arancione” per i Comuni di Benestare, Bianco, Cittanova, Gioia Tauro, Marina di Gioiosa Ionica, Palizzi e Roccella Jonica. Infine, cessano la loro efficacia dalle ore 00,01 del 17 gennaio 2022 le misure inerenti alla “zona arancione” per i Comuni di Cinquefrondi, Galatro, Melicucco, Rizziconi, San Roberto, Taurianova e Polistena.


Provincia autonoma di Bolzano – Ordinanza n.3
Il 13 gennaio il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano ha firmato l’Ordinanza n. 3, con efficacia immediata. Tale Ordinanza, recependo il DECRETO-LEGGE 7 gennaio 2022, n. 1 recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore, per quanto di interesse stabilisce che:

  • dal 1° febbraio al 31 marzo 2022 l’accesso alle attività commerciali, salvo che per il soddisfacimento delle esigenze essenziali e primarie della persona che saranno individuate in seguito, sarà consentito dietro presentazione di certificazione verde “base” (tampone negativo)
  • dal 15 febbraio al 15 giugno 2022 ai lavoratori e alle lavoratrici del settore pubblico e privato che hanno compiuto, o che compiono nel suddetto periodo, il cinquantesimo anno d’età sia fatto obbligo, per accedere ai luoghi in cui svolgono la propria attività lavorativa, di possedere e di esibire la certificazione verde rafforzata (certificato vaccinale o di guarigione). Tale disposizione si applica altresì a tutti i soggetti che svolgono a qualsiasi titolo nei luoghi ivi menzionati la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato, anche sulla base di contratti esterni. I datori di lavoro sono tenuti a verificare il rispetto delle suddette prescrizioni. Il controllo delle certificazioni verdi è effettuato con le modalità indicate dall’articolo 9, comma 10, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52.
  • Nelle imprese, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, il datore di lavoro può sospendere il lavoratore/la lavoratrice per la durata corrispondente a quella del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi, rinnovabili fino al predetto termine del 31 marzo 2022, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del posto di lavoro per il lavoratore sospeso/la lavoratrice sospesa.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 3
Il 13 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 3, la quale, dal 15 gennaio al 26 gennaio istituisce la “zona arancione” per i Comuni di Agrigento, Messina, Trapani, Acquedolci, Alì Terme, Capri Leone, Caronia, Castell’Umberto, Castroreale, Cesarò, Falcone, Francavilla di Sicilia, Furci Siculo, Furnari, Gaggi, Giardini Naxos, Gioiosa Marea, Gualtieri Sicaminò, Letojanni, Librizzi, Lipari, Mazzarrà Sant’Andrea, Merì, Milazzo, Militello Rosmarino, Monforte San Giorgio, Montalbano Elicona, Naso, Nizza di Sicilia, Novara di Sicilia, Oliveri, Pace del Mela, Pagliara, Patti, Roccalumera, Roccavaldina, Rodì Milici, Rometta, Santa Lucia del Mela, Savoca, San Filippo del Mela, San Fratello, San Teodoro, Sant’Agata di Militello, Santa Teresa di Riva, Santo Stefano di Camastra, Saponara, Scaletta Zanclea, Sinagra, Spadafora, Taormina, Terme Vigliatore, Torregrotta, Tortorici, Tusa, Venetico, Villafranca Tirrena, Alcamo, Buseto Palizzolo, Calatafimi Segesta, Campobello di Mazara, Castellammare del Golfo, Castelvetrano, Custonaci, Erice, Favignana, Gibellina, Marsala, Mazara del Vallo, Paceco, Pantelleria, Partanna, Petrosino, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, San Vito Lo Capo, Santa Ninfa, Valderice, Vita, Raffadali, Santa Margherita di Belice, Siculiana, Favara, Grotte, Santo Stefano Quisquina, Alessandria della Rocca, Porto Empedocle e Misterbianco.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 2
Il 12 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 2, la quale, dal 14 gennaio al 26 gennaio, dispone la “zona arancione” per i Comuni di Buccheri, Buscemi e Ferla. Inoltre, proroga fino al 19 gennaio compreso la “zona arancione” per il Comune di Ribera.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 1
Il 7 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 1, la quale, dal 9 gennaio al 19 gennaio, dispone la c.d. “zona arancione” per i Comuni di Agira, Aidone, Assoro, Augusta, Avola, Barrafranca, Calascibetta, Caltanissetta, Canicattì, Caniccatini Bagni, Capizzi, Carlentini, Catenanuova, Centuripe, Cerami, Enna, Floridia, Francofonte, Gagliano Castelferrato, Gela, Lentini, Leonforte, Melilli, Nicosia, Nissoria, Noto, Pachino, Palazzolo Acreide, Palma di Montechiaro, Piazza Armerina, Pietraperzia, Portopalo di Capo Passero, Priolo Gargallo, Regalbuto, Rosolini, Siracusa, Solarino, Sortino, Sperlinga, Troina, Valguarnera Caropepe e Villarosa.

Regione Calabria – Ordinanza n.  4
Il 9 gennaio il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n.  4, la quale proroga fino al 16 gennaio la “zona arancione” per i Comuni di Cinquefrondi, Galatro, Melicucco, Rizziconi, Rosarno, San Roberto, Taurianova e nel Comune di Polistena, della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Inoltre, dispone dal 10 gennaio 2022 e fino a tutto 16 gennaio 2022 la “zona rossa” per il Comune di Platì, della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Infine, dispone dal 10 gennaio 2022 e fino a tutto 19 gennaio 2022 la “zona arancione” per i Comuni di Africo, Benestare, Bianco, Cittanova, Feroleto della Chiesa, Gioia Tauro, Mammola, Marina di Gioiosa Ionica, Palizzi e Roccella Jonica, della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Ministero della Salute – Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Valle d’Aosta
Il 7 gennaio il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, la quale dispone che, a partire dal 10 gennaio e per un periodo di 15 giorni, nelle Regioni Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle d’Aosta si applicano le misure di cui alla c.d. «zona gialla». Inoltre, rinnova per ulteriori 15 giorni la “zona gialla” per le Regioni Friuli Venezia Giulia e Calabria.

Regione Sicilia – Ordinanza n. 108
Il 5 gennaio il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 108, la quale proroga fino al 12 gennaio compreso, la “zona arancione” per il Comune di Gravina di Catania.

Provincia autonoma di Bolzano – Ordinanza n. 1
Il 5 gennaio il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano ha firmato l’Ordinanza n. 1, la quale dispone che dal 10 gennaio al 31 marzo 2022 si applichino in tutto il territorio provinciale le seguenti disposizioni di interesse:

  • Le attività inerenti ai servizi alla persona si svolgono nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti. Il personale e i clienti devono utilizzare mascherine di protezione delle vie respiratorie FFP2.
  • Le attività commerciali al dettaglio si svolgono nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti.
  • Nei locali pubblici, in quelli aperti al pubblico e in tutti gli esercizi commerciali è fatto obbligo di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno del locale medesimo
  • le attività della ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, sono consentite con consumazione seduti al tavolo, o al banco nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti.

La fruizione dei servizi di ristorazione, al chiuso e all’aperto, sia al tavolo che al banco, è ammessa solo previa presentazione della certificazione verde rafforzata. Fa eccezione l’accesso alle mense e al catering continuativo su base contrattuale, per i quali è invece richiesta la presentazione della certificazione verde semplice.

  • nel catering continuativo su base contrattuale rientrano, ai fini della certificazione verde semplice, anche gli esercizi di ristorazione che abbiano in essere contratti con le imprese per la fornitura di pasti ai lavoratori, purché siano rispettate le seguenti condizioni:
    • la fornitura di pasti è basata su una convenzione tra datore di lavoro e ristoratore, che includa anche un elenco dei lavoratori beneficiari, da mostrare alle forze dell’ordine in caso di controllo
    • il ristoratore organizza per i lavoratori che usufruiscono del pasto convenzionato una sala separata dalla generalità dei clienti del ristorante
  • É vietato consumare alimenti e bevande nelle vicinanze dei locali e su strade, piazze e altri luoghi accessibili al pubblico, qualora non sia possibile mantenere la distanza interpersonale di 2 metri tra persone non conviventi
  • Sono prorogate fino alla cessazione dello stato d’emergenza le disposizioni relative alla certificazione verde nei settori lavorativi pubblico e privato contenute nell’ordinanza presidenziale contingibile e urgente n. 31 dell’01.10.2021
  • Al fine di contenere ulteriormente la diffusione del virus negli ambienti di lavoro e al fine di evitare che le attività vengano sospese, in tutte le attività produttive, commerciali e dei servizi vengono adottate misure atte a ridurre la possibilità di contagio tra dipendenti e con l’eventuale clientela

Infine, per quanto di interesse, raccomanda ai datori di lavoro di invitare i lavoratori e le lavoratrici a sottoporsi a un test per il rilevamento del SARS-CoV-2, qualora sul luogo di lavoro si riscontrino casi di positività.

 


Storico ordinanze novembre 2021-gennaio 2022

  • Ministero della Salute – Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Veneto, Trento e Bolzano
    Il 31 dicembre 2021 il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, la quale, a  partire dal 3 gennaio 2022 e per un periodo di 15 giorni, dispone la “zona gialla” per le Regioni Lazio, Lombardia, Piemonte e Sicilia. Inoltre, rinnova per ulteriori 15 giorni la “zona gialla” per le Regioni Liguria, Marche, Veneto e per le Provincie autonome di Trento e Bolzano.
  • Regione Calabria – Ordinanze n. 1 (CLICCA QUI) e n. 2 (CLICCA QUI)
    Il 1° gennaio il Presidente della Regione Calabria ha firmato le Ordinanze n. 1 e n. 2, le quali dal 2 gennaio al 9 gennaio, dispongono la “zona arancione” rispettivamente per i Comuni di Campo Calabro, Cinquefrondi, Ferruzzano, Galatro, Laureana di Borrello, Melicucco, Rizziconi, Roghudi, Rosarno, San Roberto e Taurianova, della Provincia di Reggio Calabria e per il Comune di Polistena, della Provincia di Reggio Calabria.
  • Regione Liguria – Ordinanza n. 37
    Il 31 dicembre il Presidente della Regione Liguria ha firmato l’Ordinanza n. 37, la quale dal 31 dicembre2021 al 31 marzo 2022, dispone che i tamponi antigenici rapidi – effettuati da tutti gli erogatori pubblici e privati – sono offerti in forma gratuita limitatamente ai 15 giorni che intercorrono fra la somministrazione della prima dose e l’attivazione della validità del c.d. Green Pass corrispondente. Tale misura è offerta ai cittadini liguri nonché a quelli di altre Regioni che lavorino in Liguria, i quali abbiano necessità di produrre il Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 107Il 29 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 107, la quale, dal 31 dicembre al 12 gennaio, istituisce la “zona arancione” per i Comuni di Caronia, Ribera e Santa Lucia del Mela. Inoltre, proroga fino al 5 gennaio 2022 la “zona arancione” per i Comuni di Barcellona Pozzo di Gotto e di Gualtieri Sicaminò.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 106Il 27 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 106, la quale proroga fino al 5 maggio 2022 la “zone arancione” per i Comuni di Marianopoli, Scaletta Zanclea e Terme Vigliatore.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 105Il 24 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 105, la quale dal 27 dicembre fino al 5 gennaio, dispone la “zona arancione” per il comune di Gravina di Catania.
  • Ministero della Salute – Calabria e Friuli-Venezia Giulia: Il 24 dicembre il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, la quale, per la Regione Friuli-Venezia Giulia e per la Regione Calabria, rinnova la c.d. “zona gialla” per ulteriori 15 giorni.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 104: il 22 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 104, la quale, dal 24 dicembre 2021 al 31 dicembre 2021 compreso, dispone la c.d. “zona arancione” per i Comuni di Butera, Barcellona Pozzo di Gotto, Fiumedinisi, Gualtieri Sicaminò, Milazzo e San Filippo del Mela.
  • Regione Calabria – Ordinanza n. 79:  il 22 dicembre il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n. 79, la quale proroga per ulteriori 7 giorni, e dunque fino al 29 dicembre, la c.d. “zona arancione” per il Comune di Isola di Capo Rizzuto.
  • Regione Campania – Ordinanza n. 28: il 19 dicembre il Presidente della Regione Campania ha firmato l’Ordinanza n. 28 , la quale, con riferimento alla precedente Ordinanza n. 27, la quale disponeva il divieto di vendita con asporto di bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua, nei giorni 23, 24, 25 e 31 dicembre, dalle ore 11:00, fino alle ore 5:00 del giorno successivo, per bar e altri esercizi di ristorazione, precisa che tale divieto non riguarda le strutture con modalità di vendita “drive through”, con sistema di ordine, pagamento e ritiro direttamente in macchina.
  • Ministero della Salute – Liguria, Marche, Veneto Trento e Bolzano il 17 dicembre il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza , la quale dispone che dal 20 dicembre nelle Regioni Liguria, Marche, Veneto e nella Provincia autonoma di Trento, si applicano, per  un periodo di quindici giorni, le misure di cui alla c.d. «zona gialla». Inoltre, proroga per un periodo di 15 giorni, la c.d. «zona gialla» per la Provincia autonoma di Bolzano.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 103il 16 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 103, la quale, dal 18 dicembre al 27 dicembre, istituisce la “zona arancione” nei territori comunali di Castrofilippo, Marianopoli, Motta Sant’Anastasia, Scaletta Zanclea e Terme Vigliatore.
  • Regione Calabria – Ordinanza n. 78: il 16 dicembre il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n. 78, la quale, proroga per un periodo di 7 giorni e, pertanto, fino a tutto il 22 dicembre, la “zona arancione” nel Comune di Isola di Capo Rizzuto.
  • Provincia autonoma di Trento – Ordinanza n. 84Il 16 dicembre il Presidente della Provincia autonoma di Trento ha firmato l’Ordinanza n. 84, la quale prevede che, dal 17 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022: sul territorio provinciale, nell’ambito dell’attività di ristorazione o somministrazione di pasti e bevande, svolta da qualsiasi esercizio, anche gli avventori che consumano al banco al chiuso devono essere muniti del c.d. “Green Pass rafforzato”. Tale previsione non si applica: ai soggetti di età inferiore ai dodici anni; ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute.
    I titolari o gestori di tali servizi e attività sono tenuti a verificare che il consumo al banco al chiuso avvenga nel rispetto di tali prescrizioni. Inoltre, le verifiche delle certificazioni verdi sono effettuate secondo le modalità prescritte dalla normativa vigente.
  • Regione Campania – Ordinanza n. 27: il 15 dicembre il Presidente della Regione Campani ha firmato l’Ordinanza n. 27, la quale dispone che, nei giorni 23, 24, 25 e 31 dicembre, dalle ore 11:00, fino alle ore 5:00 del giorno successivo, ai bar e agli altri esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto di bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua.
  • Ministero della Salute – Calabria e Friuli-Venezia Giuliail 10 dicembre il Ministro della Salute ha firmato un’Ordinanza, la quale dispone che dal 13 dicembre nella Regione Calabria si applicano, per  un periodo di quindici giorni, le misure di cui alla c.d. «zona gialla». Inoltre, proroga per ulteriori 15 giorni la “zona gialla” per la Regione Friuli-Venezia Giulia.
  • Regione Sicilia – Ordinanza n. 102: il 10 dicembre il Presidente della Regione Sicilia ha firmato l’Ordinanza n. 102, la quale, fino al 20 dicembre, dispone la “zona arancione” per i Comuni di San Michele di Ganzaria, Itala e Militello in Val di Catania.
  • Regione Calabria – Ordinanza n. 77: il 10 dicembre il Presidente della Regione Calabria ha firmato l’Ordinanza n. 77, la quale dispone, fino al 20 dicembre, la “zona arancione” per il Comune di Luzzi.
  • Ministero della Salute – Bolzano
    Il 3 dicembre il Ministro della salute ha firmato un’Ordinanza, la quale dispone che nella Provincia Autonoma di Bolzano si applicano, per un periodo di quindici giorni, salva nuova classificazione, le misure di cui alla c.d. «zona gialla».
  • N. 270 CO.IM – Ordinanza regionale Trento
    Il 2 dicembre il Presidente della Provincia autonoma di Trento ha firmato l’Ordinanza n. 83, la quale reca delle specificazioni in merito al DL cd. “super green pass”, con validità fino al 31 dicembre 2021. Per quanto di interesse dispone quanto segue:
    Servizi di ristorazione o di somministrazione di pasti e bevande all’aperto
    Si chiarisce che per ristorazione o somministrazione di pasti e bevande all’aperto, al fine di contrapporla a quella al chiuso, deve intendersi la ristorazione o la somministrazione di pasti e bevande svolta in una struttura anche con un solo lato libero (che può essere rappresentato anche dall’assenza del tetto): il lato libero può prevedere la presenza di balaustre, fioriere o barriere che non possono però avere un’altezza superiore a 90 cm.
  • n. 36 Provincia Autonoma di Bolzano
    Il 26 novembre il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano ha firmato l’ordinanza n. 36.
    Attraverso tale atto viene disposto che – dal 29 novembre al 5 dicembre 2021 compresi, nei Comuni di: Monguelfo-Tesido, Villandro, Prato allo Stelvio, Laces, Lasa, Tirolo, Campo Tures, Selva dei Molini, Perca, San Martino in Passiria, Selva di Valgardena, Fiè allo Sciliar, Valle Aurina, Cermes, Gais e Malles si applichino le misure della “zona rossa”. Inoltre, in tali comuni si applicano le seguenti disposizioni aggiuntive:
    – vige in ogni caso, sia per i clienti che per il personale, l’obbligo generalizzato di indossare una mascherina FFP2 o equivalente all’interno degli esercizi commerciali;
    – nei locali delle attività consentite è ammesso un numero di persone pari a 1 cliente ogni 10 mq, salvo nei negozi di superficie inferiore a 20 mq, nei quali sono ammessi al massimo 2 clienti contemporaneamente. Si deve inoltre garantire, oltre alla distanza interpersonale di almeno 1 metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni;
    – le attività della ristorazione sono consentite con consumo seduti al tavolo, ad un massimo di quattro persone per tavolo, fino alle ore 18.00, nel rispetto delle misure di sicurezza.
  • Ministero della salute – Friuli Venezia Giulia
    Il Ministro della Salute, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 26 novembre 2021, ha firmato una nuova Ordinanza che dispone il passaggio della Regione Friuli Venezia Giulia in area gialla.