Fondazione Casillo dona 100 ulivi a Semi di Vita: piantiamo il futuro

Fondazione Casillo dona 100 ulivi a Semi di Vita: piantiamo il futuro

Già ad Aprile 2020, in piena emergenza da Covid-19, la Fondazione Vincenzo Casillo ha sostenuto la Cooperativa Sociale Semi di vita attraverso l’iniziativa “Spesa donata o aspettata”, riconoscendo l’impegno, la trasparenza e la devozione con cui Semi Di Vita opera sul territorio ormai da anni, dimostrando soprattutto in questo momento di estrema difficoltà attenzione e sensibilità nei confronti di chi vive nel disagio.
La Cooperativa si occupa di un orto sociale urbano all’interno della città di Bari, rispondendo ad un’esigenza di socializzazione per alcune categorie di persone svantaggiate, favorendo la costruzione del senso di comunità ed educando a pratiche sostenibili.
Nel 2018 ha vinto un bando di gara emanato dal Comune di Valenzano (BA), aggiudicandosi 260.000 mq confiscati alla mafia.

Negli ultimi tempi purtroppo Semi di vita ha subito numerosi furti, non smettendo mai però di continuare a dare valore alle risorse di un territorio che, seppur con fatica, crede nelle sue straordinarie ricchezze.
Sabato 23 gennaio 2021 c/o la sede di Semi di vita è stata allestita una tavola rotonda unitamente ad altre realtà del territorio per un confronto sul tema e sulle possibili soluzioni.
I sostenitori della Cooperativa hanno provveduto a coprire immediatamente il mancato incasso dell’olio rubato. In più, la Cooperativa di Comunità Borgo Ajeni di San Michele Salentino (BR) ha messo a disposizone 100 litri di olio, pari all’equivalente del furto.
È partita così una straordinaria campagna di solidarietà, con l’intento di piantare nuovi alberi di ulivo sui terreni confiscati alla mafia di Valenzano (BA).
Anche la Fondazione Vincenzo Casillo ha tenuto ad essere parte di questa rete donando 100 alberi.
Ad oggi sono stati donati complessivamente 500 ulivi, pertanto l’iniziativa si fermerà tra pochi giorni.