Resca, Confimprese: «Retail sempre più in difficoltà: -30% i saldi, -50% centri commerciali e centri città»

Milano, 12 gennaio 2022 – I primi 10 giorni del 2022 aprono male per il retail con un andamento dei saldi a -30% e un calo verticale delle presenze nei centri commerciali e nei centri città che in soli due giorni, 10 e 11 gennaio, hanno messo a segno un calo di fatturato del -50% sul 2019. Dopo le speranze incoraggianti di una ripresa dell’economia e dei consumi, una concomitanza di fattori sta mettendo a dura prova il retail che non vede ancora la luce.

«Siamo al terzo anno di pandemia e continuiamo a essere in difficoltà per effetto dello smart working, dei lavoratori in quarantena e della paura dei contagi – afferma Mario Resca, presidente Confimprese –. Il caro bollette, la mancanza di materie prime e l’inflazione, ormai acclarata e non più transitoria, rischiano di bloccare nuovamente il Paese. I consumi si stanno bruscamente fermando. Abbiamo necessità di sostegni reali che siano vicini alla sopravvivenza del settore, di nuove misure sugli ammortizzatori sociali e di accesso al credito, ma anche di contributi a fondo perduto e misure fiscali che ci consentano di attraversare un altro anno pesantissimo. Se non arriva liquidità immediata nel sistema produttivo, il retail rischia il collasso».