Lettera di Mario Resca a Luciano Fontana, direttore Corriere della Sera

Caro direttore,

vorrei fare il punto su Dl Rilancio che ha sottovalutato il peso del commercio in Italia e l’impatto devastante del lockdown sull’intera filiera. Partiamo dai numeri. Il commercio vale in Italia 1.130 miliardi di euro e conta su 1,9 milioni di addetti. Confimprese rappresenta 40mila punti vendita, 700mila addetti e un fatturato di circa 200 miliardi di euro, è un comparto che produce ricchezza e genera posti di lavoro.

Il nostro Centro studi sui consumi nei primi 15 giorni di luglio sullo stesso periodo 2019 segna un calo del fatturato del -37% nella ristorazione e del -23% nel non food. Su quest’ultimo ha pesato il mancato avvio dei saldi il 1 luglio, nonostante la riapertura quasi totale delle attività commerciali. Siamo stati l’unica associazione che ha chiesto al legislatore di non posticipare i saldi e siamo stati ascoltati: la Conferenza delle regioni ha dato il via libera per una partenza immediata proprio in questi giorni. Misura giusta, sia pure tardiva, che permetterà di recuperare qualcosa nell’ultimo scorcio del mese.

Veniamo ora all’art. 28 che riconosce un credito d’imposta del 60% sugli affitti degli immobili ad uso commerciale solo alle aziende con meno di 5 milioni di fatturato, senza considerare le imprese con sedi plurilocalizzate e fatturati di centinaia di milioni di euro. Perché non estendere il credito d’imposta a tutto il settore, che rischia di chiudere il 30% dei negozi entro la fine dell’anno? Abbiamo chiesto al governo di rivedere la misura, con il risultato che il credito d’imposta è stato, sì, introdotto, ma del 20% sui contratti di locazione e del 10% sugli affitti di ramo d’azienda. Briciole in un momento così drammatico.

Altro tasto dolente, la cassa integrazione. Bene il prolungamento di altre 4 settimane per le aziende che avevano esaurito gli ammortizzatori sociali e rischiavano di trovarsi senza sostegni. Peccato, però, che la burocrazia sia un formidabile freno a mano che intralcia l’iter di lavorazione delle pratiche. I due terzi delle nostre aziende non hanno ancora ricevuto la Cigd e i tempi di attesa tra domanda e risposta sono in media 43. Chi paga nel frattempo? Le imprese non hanno liquidità e i dipendenti attendono lo stipendio da mesi. È una voragine che risucchia entrambi sul fondo in un greve timore di ciò che li aspetta.

Fare scenari cupi, come ha scritto Angelo Panebianco sul Corriere, può avere effetti demoralizzanti, ma aiuta a scuotere le coscienze. C’è troppo Stato dove non dovrebbe esserci e poco Stato dove è richiesto un suo intervento incisivo. La strada per creare ricchezza e occupazione passa per aziende sane, capaci di realizzare margini che permettono di investire e creare posti di lavoro, e non attraverso la distribuzione di benefici a pioggia.

Chiediamo al governo maggiore concentrazione sul commercio, che sostiene il settore produttivo e lo connette al mercato attraverso una filiera che impiega migliaia di risorse. Ignorare il nostro grido d’allarme significa essere ciechi di fronte all’evidenza. Significa sacrificare le imprese italiane simbolo del made in Italy nel mondo, rinunciare a migliaia di posti di lavoro, vedere le nostre città con le serrande dei negozi abbassate per sempre. Non chiediamo il talismano della crescita felice, che non esiste, ma semplicemente che il Governo ‘si accorga’ del commercio. E che prenda le dovute misure per aiutarci. Basta rinvii o sarà troppo tardi.

Mario Resca, presidente Confimprese