Accordo Gruppo Finiper-Confimprese: al via il 3° pacchetto di aiuti al retail

Il gruppo di Marco Brunelli accorda il 3° pacchetto di aiuti agli associati Confimprese nei mall IL CENTRO, Piazza Portello e nell’intero patrimonio immobiliare di Finiper per far fronte al protrarsi degli effetti negativi della pandemia.

L’accordo, operativo da subito, prevede l’abbattimento del 50% del canone d’affitto per ogni giornata di chiusura dal 1 gennaio al 31 maggio 2021

Milano, 28 maggio 2021 – Il Gruppo Finiper, guidato dall’imprenditore Marco Brunelli, scende in campo per la terza volta a sostegno degli associati Confimprese, l’associazione del commercio moderno presieduta da Mario Resca che rappresenta 40mila punti vendita in Italia, 350 brand commerciali e 600mila addetti.

Il Gruppo Finiper, ancora una volta, sostiene le esigenze del retail, piegato da un anno e mezzo di pandemia e dalla restrizioni dovute all’emergenza sanitaria e conferma un’ulteriore serie di agevolazioni non solo per incentivare la ripresa e rilanciare i consumi, ma anche per sostenere gli operatori del settore.

Dopo avere siglato nel 2020 due accordi a breve distanza e senza precedenti per la sospensione dei canoni di affitto, questo terzo accordo offre la riduzione del 50% del canone per ogni giornata di chiusura dell’attività dal 1 gennaio al 31 maggio 2021 a tutti gli operatori associati presenti a IL CENTRO di Arese, a Piazza Portello nel cuore di Milano, includendo anche tutto l’intero patrimonio immobiliare del Gruppo Finiper.

Tale sconto sarà applicato in un’unica soluzione sul dovuto relativo al 3° trimestre, agevolando gli operatori anche dal punto di vista finanziario e precisando che tali ulteriori facilitazioni si sommano agli altri periodi di free rent già concessi con i due precedenti accordi.

Inoltre, a fronte della perdurante incertezza economico-sociale e della mancata ripresa dei consumi, l’accordo prevede uno sconto pari al 50% del canone giornaliero, previsto nel contratto, per ogni giorno di chiusura in caso vi fossero eventi ritenuti di forza maggiore e/o disposizioni superiori provenienti da autorità nazionali, regionali e locali derivanti da cause di forza maggiore che determinino l’impossibilità di esercitare l’attività di cui al ramo d’azienda. Lo sconto sarà anche applicato per ogni giorno di chiusura senza un minimo di giornate consecutive.

Il Gruppo Finiper ha tracciato un percorso preciso volto a commisurare le facilitazioni concesse ai danni derivanti dalle chiusure e legando lo sconto ai vari provvedimenti delle autorità che hanno impedito il regolare esercizio delle attività. Il tutto, con l’obiettivo di concedere benefici seguendo il principio di equità e la via dettata dai valori che contraddistinguono da sempre il gruppo fondato da Marco Brunelli.

«Da sempre sosteniamo che dalle situazioni di difficoltà occorra uscire con spirito di leale collaborazione» – afferma Francesco Ioppi, direttore immobiliare Gruppo Finiper.

«Un anno e mezzo di pandemia e sei mesi di chiusure dei centri commerciali nei festivi e prefestivi – afferma Mario Resca, presidente Confimprese – hanno messo in ginocchio il retail. Complessivamente centri commerciali e outlet hanno perso il 40% del fatturato annuo sul 2019, pari a 56 miliardi di euro. Ogni week end di chiusura significa 150 milioni di mancati incassi per lo Stato e il 50% di mancato fatturato per i punti vendita. La lungimiranza di Marco Brunelli, che di fatto rinuncia a una quota importante del proprio business a favore degli operatori, permette ai nostri associati di contenere in modo significativo le voci di spesa di gestione».

L’attenzione è puntata su IL CENTRO di Arese che la base associativa Confimprese, nel 2018, ha eletto come miglior centro d’eccellenza ai Confimprese Awards e che, nel 2016, ha conseguito, per la prima volta in Italia, l’importante onorificenza di miglior nuovo centro commerciale del mondo ai Mapic Awards, estendendosi al centro commerciale Piazza Portello, nel cuore di Milano, così come a tutto il patrimonio immobiliare del Gruppo.