Retail business in USA: gli Stati Uniti sono una meta top per il franchising

In occasione del 33° Salone Franchising di Milano, Confimprese ha presentato una overview del mercato a stelle e strisce, regolamentato da una normativa severa. Scopri tutti i dettagli dell’evento.

Lo scorso 26 ottobre si è tenuto l’incontro “USA: overview del mercato e linee guida per sviluppare un network in franchising” organizzato da Confimprese in occasione della 33esima edizione del Salone Franchising Milano, la fiera che ha accolto oltre 15000 visitatori e oltre 200 espositori.

Overview macroeconomica statunitense

Dopo il saluto di benvenuto del Presidente Mario Resca, l’intervento di Alessio Gambino, CEO di Ibs North America, che ha presentato un’approfondita analisi della situazione macroeconomica e real estate negli Stati Uniti.

Il settore retail negli Stati Uniti conta, secondo i dati del National Retail Federation, oltre tre milioni di negozi che producono 42 milioni di posti di lavoro per un totale di 2,6 trilioni di dollari di GDP (Gross Domestic Product).

Il 2018 è un anno molto favorevole per gli investimenti americani nel franchising, anche grazie alle normative più elastiche messe a punto dall’attuale amministrazione repubblicana. La pipeline per il 2018 stima infatti un fatturato di 757 miliardi di dollari in crescita del 6,2% e 759 mila aperture in aumento dell’1,9% rispetto al 2017 (dati IFA – International Franchisee Association).

Franchising in USA: gli accenni legali

Valerio Pandolfini, Avvocato dello Studio Pandolfini, ha raccontato le principali caratteristiche del franchising in USA, spiegando le differenze tra il Product distribution franchise e il Business format franchising.

«Occorre tenere presente – spiega Mario Resca, presidente Confimprese – che negli Usa la normativa federale e statale sul franchising è imperativa e si applica a ogni soggetto che opera sul territorio, indipendentemente dalla nazionalità. Rispetto a quanto previsto dalla nostra legge n. 129/2004 sul franchising, negli Usa il Franchise Disclosure Document (FDD) regolamenta in maniera più dettagliata le informazioni che devono essere fornite all’aspirante franchisee: devono essere indicate, per esempio, le Advertising fee o le riduzioni di prezzo applicate dai fornitori ai franchisee».

La violazione degli obblighi di disclosure è pesantemente sanzionata ed è essenziale predisporre accuratamente l’FDD per evitare rischi legali. Tra i 23 punti contenuti nel FDD si segnalano gli investimenti iniziali richiesti al franchisee, i bilanci del franchisor, la storia finanziaria ed eventuali contenziosi del franchisor, diritti e obblighi delle parti nel contratto di franchising.

Come avviare un franchising in USA?

Insieme a Giovanni Montanelli, CEO di Ventiquattro Food Consulting, e Michael Seid, Managing Director di MSA Worldwide, gli ospiti dell’evento hanno potuto scoprire i preziosi consigli strategici in merito all’avviamento di un’attività in franchising negli Stati Uniti.

Gli esperti suggeriscono di testare il mercato con uno store diretto, aprire il primo franchise in un’area limitata all’interno di uno stato e poi estendere la rete lentamente.
In tutti i casi di direct franchising, sebbene non sia indispensabile per il franchisor italiano avere una propria sede in Usa, è tuttavia necessario costituire nello stato target una società controllata (subsidiary), anche perché è necessario che i bilanci siano redatti in conformità ai principi GAAP (Generally Accepted Accounting Principles).

Nel caso, invece, di Master Franchising il franchisor concede a un soggetto (Master franchisee) il diritto di stipulare contratti di sub-franchising in esclusiva in una determinata area con gli affiliati (sub-franchisee), che hanno rapporti diretti solo con il MF, salvo eccezioni previste nel contratto. Il Master franchising generalmente percepisce dal franchisor una fee iniziale di importo variabile a seconda della grandezza del territorio concesso in esclusiva e una franchise fee continuativa, spesso calcolata in percentuale sul fatturato del MF.

Guida al Fanchising Disclosure Document

Guida al Fanchising Disclosure Document

Scarica la guida