[19 marzo 2020] La cassa integrazione in deroga (ex art 17 D.L. 9/2020 e ex art 22 D.L. 8/2020) è disposta con solo pagamento diretto; a differenza di altri ammortizzatori l’azienda non è posta innanzi alla possibilità di anticipare le somme e poi portarle a conguaglio, una volta autorizzate. Operata la domanda mediante portale regionale, le stesse sono istruite in ordine cronologico e ove si riscontrassero mancanze la Regione chiede integrazione documentale (integrazione che non preclude il posizionamento in graduatoria della domanda). Non siamo, alla data della presente, a conoscenza della tempistica con cui la Regione provvederà ad emanare decreti di concessione. Ove il provvedimento ottenesse istanza di rigetto per esaurimento fondi, si dovrà procedere mediante accordo sindacale a definire la modalità alternativa di gestione delle assenze non essendo previsto altra possibile rivalsa sui fondi territoriali.