Nel rifinanziare la CIG Covid-19, l'art. 12 del d.l. 137/2020 ha disposto il rinnovo degli ammortizzatori sociali previsti dagli artt. 19 - 22 del d.l. 18/2020.
Nel far questo il legislatore non ha preso posizione rispetto all'accesso agli ammortizzatori sociali dei lavoratori somministrati, rispetto ai quali si è limitato a stabilire una speciale deroga unicamente in favore dei lavoratori somministrati che sono stati impiegati presso "imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali" a fronte di specifiche condizioni (art. 84, co. 5, d.l. 34/2020).
In via generale, dunque, rimane fermo il principio per cui non sussiste la possibilità per i lavoratori somministrati di accedere alla Cassa Integrazione richiesta dall'impresa utilizzatrice, trattandosi di dipendenti di altro datore di lavoro (l'Agenzia di somministrazione).